RP Liguria

LUXTURNA® INSERITO TRA I FARMACI A CARICO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE IN AMBITO OSPEDALIERO

Il 2021 si apre con una buona notizia per le persone affette da Retinite Pigmentosa causata dalla mutazione del gene RPE65: il farmaco Luxturna®, attraverso la determina AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) del 22 dicembre u.s., pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 9 gennaio 2021, è stato inserito tra i farmaci classificati in fascia H e cioè quei farmaci a carico del Servizio Sanitario Nazionale dispensati in ambito ospedaliero.

Ricordiamo che Luxturna® è una terapia specifica per pazienti con perdita della vista causata da distrofia retinica ereditaria con mutazione biallelica del gene RPE65 confermata, e che presentano ancora una quantità sufficiente di cellule retiniche vitali. (Altre informazioni di carattere generale sull’argomento, possono essere desunte dal presente sito www.rpliguria.it nell’articolo: “EMA: una nuova terapia genica per una rara malattia ereditaria è stata raccomandata per l’approvazione”).

Leggendo la determina AIFA riportata in Gazzetta Ufficiale, si rileva che, oltre a rispondere al principale requisito di inclusione visto sopra, il trattamento potrà essere effettuato in regime di rimborsabilità del Servizio Sanitario Nazionale esclusivamente presso le strutture sanitarie pubbliche e le strutture sanitarie private accreditate, individuate dalle regioni e province autonome, che rispondano a determinati precisi requisiti. In particolare, in dette strutture, deve essere presente un team multidisciplinare adeguatamente formato per la gestione clinica del paziente che, oltre a verificare per il singolo i criteri di eleggibilità e appropriatezza prescrittiva, garantisca il corretto utilizzo del prodotto e la mitigazione dei rischi e delle possibili complicanze ad esso associati, o connessi con la procedura di somministrazione. Alla specialità medicinale, inserita nel fondo per i farmaci innovativi non oncologici, a decorrere dalla data di entrata in vigore della determina che recepisce le condizioni negoziali (gennaio 2021 n.d.r.) viene applicato un tetto di spesa biennale complessivo pari a euro 21,6 Milioni.

E’ proprio il caso di dire che da oggi, almeno per qualcuno, finalmente si inizi-(er)-à a vedere degli spiragli di luce, e possiamo ragionevolmente essere certi che questo rappresenti il primo concreto inizio di percorso clinico per le altre terapie geniche che sono in corso di sperimentazione. 

Torna alla lista delle notizie scientifiche
Torna alla pagina 'News'